Ormai mancano pochi giorni al 25 dicembre e sull’albero di Natale ci sono molte storie…… e una è questa.

Quest’estate ho trascorso le mie vacanze nelle città baltiche e girando per Riga, bellissima città medioevale, ci siamo trovate davanti al Ratslaukums, punto di partenza per la visita della città vecchia.

Qui si trova la Casa delle Teste Nere, costruita nel 1344 come sede della corporazione delle Teste Nere, i mercanti tedeschi celibi.

La Casa delle Teste Nere era nota per le sue feste sfrenate, dove i  mercanti celibi cercavano l’anima gemella!!!

In una fredda vigilia di Natale del 1510, la brigata di scapoli animata da spirito natalizio  o da altro spirito 🙂 trascinò nell’edificio un grosso pino e lo ricoprì di fiori. Alla fine della serata il pino fu riportato in strada e bruciato in un suggestivo falò. Da allora la tradizione di decorare l’albero di Natale si è diffusa in tutto il mondo.

Una lapide ottagonale nell’acciottolato di Ratslaukums indica il punto in cui si trovava l’albero che diede origine alla tradizione.

Un’altra storia sempre sulla corporazione dei mercanti è legata alla Casa del Gatto (Kaku maj Meistaru Iela 10/12 Riga). Il gatto nero spaventato in cima alla torretta di questo edificio del 1909 in stile art nouveau è diventato il simbolo di Riga. Secondo la leggenda il proprietario, respinto dalla corporazione dei mercanti che si trovava dall’altra parte della strada, si vendicò sistemando sulla torretta un gatto nero con la coda alzata verso la prestigiosa Sala della Grande Gilda. I membri ne furono offesi e dopo una lunga battaglia in tribunale il mercante fu ammesso nel circolo, a condizione che girasse il gatto dall’altra parte.

Una volta a Riga puoi mangiare al 1221 Restorans,  un piacevole ristorante in una casa d’epoca attaccata al Duomo, tra case medioevali e jugendstill, si può mangiare all’interno, sulla strada pedonale (comunque appartata) o sul terrazzino. Cucina tipica lettone.

Ovviamente non fatevi mancare un dolcetto per chiudere in bellezza la giornata.

Vi consiglio la Kaspara Di lana Konditoreia (Vaļņu iela 2, Centra rajons, Rīga), una piccolo gioiellino. Fermatevi a prendere un cappuccino e, ovviamente, una fetta di torta!!!

Io ho assaggiato la cake al rabarbaro: adoro il rabarbaro e la crema in cui era immerso, gnam gnam….

Ultima tappa da non perdere, la più antica panetteria pasticceria, proprio nelle viuzze medioevali dietro al Duomo: Regensis. Passeggiando non si può  non essere colpiti dalle vetrine e dal profumo inebriante…..

Devo dire che è stato un bel viaggio che mi ha portato a scoprire delle nuove tradizioni e dei paesaggi bellissimi…..

 

 

 

Posted by:Michela

Tre parole per descrivermi: Passione, Pittura e ovviamente Pasticceria. Voglio condividere con voi il mio mondo fatto di colori, sapori, viaggi e tanta dolcezza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *